Come Comprare Casa: i 3 step fondamentali!

Come Comprare casa: I 3 stepi fondamentali.

In questa serie di articoli andremo a vedere quali sono i passaggi fondamentali se vuoi comprare casa.

Comprare casa al giorno d’oggi senza esperienza può essere davvero pericoloso. Quindi per evitare qualsiasi problema vediamo come devi comportarti e tutti i passaggi fondamentali per non incappare in truffe

Se  è la prima casa  che compri potresti essere totalmente all’oscuro della materia, quindi sappi che Mille insidie potrebbero presentarsi in una compravendita immobiliare, e non sto parlo solo di danno economico, ma di perdita di tempo, delusione, frustrazione ecc….

 

Quindi leggi  fino in fondo questo articolo e gli altri due che seguiranno così potrai essere tranquillo di poter fare le cose per bene.

Pronto/a partiamo

Adesso  finta mettiamo che tu stia cercando casa, da solo o tramite un’agenzia immobiliare non importa , e che ad un certo punto della tua ricerca tu l’abbia trovata è lei la casa dei tuoi sogni!

Quindi?Adesso come posso comprarla in totale sicurezza?

Eccoti  i tre step fondamentali che dovrai compiere per acquistare la tua casa senza aver nessun tipo di problema:

  1. la proposta d’acquisto
  2. il contratto preliminare di vendita
  3. il rogito notarile

con l’articolo di oggi , il primo della “saga: come comprare casa” voglio parlarti del primo step :

La proposta d’acquisto.

Come ben saprai anche tu i tempi della stretta di mano purtroppo sono finiti da un pezzo, e se vuoi salvaguardarti sul serio questo passaggio è importantissimo.

Cominciamo. Ok hai visitato la casa, te ne sei innamorato/a e la vuoi comprare. Il prezzo è giusto anche se un pochino  di trattativa è sempre da fare, oppure il prezzo è troppo alto e voi provare a portare i proprietari ad una cifra ragionevole in linea con i prezzi di mercato. Comunque detto questo vuoi fermarla, così che nessuno possa intromettersi nella tua compravendita.

Se sei a questo punto non perdere altro tempo (potresti vedere la tua casa dei sogni svanire perché acquistata da qualcun altro), procedi con una proposta d’acquisto,  questo ti permetterà di essere il primo ad aggiudicarti la casa se il proprietario l’accetterà in ogni sua parte.

 

Attenzione però leggi attentamente e cerca di capire bene quello che sto per dirti:

 

  • la proposta d’acquisto non è un pezzo di carta senza valore con scritto il prezzo che intendi offrire
  • la proposta d’acquisto per essere seria deve essere corredata da una caparra, quindi da un assegno
  • la proposta d’acquisto deve contenere un termine, entro la quale la proprietà deve risponderti
  • La stretta di mano o un foglio di carta buttato giù senza le clausole importanti non sono una proposta d’acquisto e non ti garantiscono un bel nulla. In qualsiasi momento potrai sentirti dire dal proprietario “mi dispiace non vendo più”, oppure “ ha mia ha deciso di comprarla mio cugino”, insomma non c’è nessun vincolo che obblighi il proprietario a mantenere la parola data.

 

Alla luce di ciò che tu stia cercando da solo o tramite agenzia, assicurati che esista un vero e proprio modulo da compilare con tutte le clausole del caso e mi raccomando leggi attentamente ciò che andrai poi a firmare, di moduli di proposta d’acquisto ne trovi quanti ne  vuoi on line, ma solo un vero professionista  possiede moduli che hanno lo scopo di salvaguardare le parti contraenti, affinché il tutto si svolga regolarmente e senza intoppi.

La Caparra Confirmatoria

Quando compili una proposta d’acquisto, l’unica cosa che ti offre delle garanzie reali, oltre alla correttezza del modulo, è l’assegno di caparra che offrirai alla proprietà.

 

Se il modulo di proposta è fatto come a regole d’arte, l’assegno citato nella stessa  diventa una vera e propria caparra confirmatoria, cioè se la proprietà accetta la tua proposta e poi decide di non adempiere agli obblighi presi  , dovrà restituirti un importo pari al  doppio della caparra versata. Se invece, dopo l’accettazione della proposta, sei tu a tirarti indietro, perderai la caparra versata.

 

Facciamo un esempio: mettiamo che hai fatto una proposta da 100.000 euro e dai una caparra  di 10.000 euro e la tua  proposta viene accettata. Se dopo l’accettazione il venditore decide di non procedere più alla vendita dovrà restituirti i tuoi 10.000 più altri 10.000, se invece sei tu a non voler più procedere perderai i 10.00 euro.

Ricordati che l’assegno di caparra anche se rimane in consegna all’ agenzia va sempre e comunque intestato al venditore.

Nella maggioranza dei casi quando sarai a preliminare  questo assegno verrà stracciato e ne verrà fatto un altro che verrà effettivamente incassato dal venditore. Attenzione però questo non implica il fatto che la caparra non sia valida. Se  la tua proposta invece non verrà accettata, l’assegno ti verrà restituito e non dovrai niente a nessuno agenzia compresa.

Quando invece  la tua proposta verrà accettata, dovrai venirne a conoscenza per iscritto entro la data di scadenza della proposta stessa. Se entro i termini stabiliti non avrai ricevuto notizia dell’accettazione della proposta, sarai libero di ritirare il tuo assegno in qualunque momento.

Accordi Particolari “Le Note”

Ogni proposta d’acquisto che sia degna di questo nome, ha un spazio per contenere delle note ovvero  degli accordi particolari, come per esempio se la tua offerte comprende parte del mobilio o clausole sospensive come può essere l’accettazione di un mutuo.

Solo se sei veramente sicuro di ottenere il mutuo, e solo se lo sei veramente , ti consiglio di non aggiungere questa clausola nelle note! Questa clausola ovviamente, rende molto più “debole” la tua proposta agli occhi del proprietario che sarà meno disponibile a concederti lo sconto che chiedi, sapendo che in definitiva finché non avrai la delibera nulla sarà concluso veramente.

Se invece non vi è posta questa o altre clausole sospensive, all’ accettazione del venditore tutto, o quasi, è deciso e l’immobile viene tolto dal mercato.

Conclusioni

Sappi che la proposta d’acquisto deve essere accettata in ogni sua parte. Se il venditore ti fa una controproposta, o cambia anche solo una virgola della proposta che hai redatto tu, quest’ultima non ha più validità. Mi capita di vedere che  le modifiche volute dal proprietario vengono apposte e controfirmate sulla proposta stessa. Questa cosa può funzionare ma non è corretta al 100%. Un professionista con la P maiuscola, trovato l’accordo col venditore,  ti consiglierà di fare una nuova proposta così che venga poi accettata regolarmente.

Segui questi consigli e vedrai che procederai con l’ acquisto della casa dei tuoi sogni in tutta serenità.

Alla prossima puntata dove ti parlerò del secondo step il Preliminare di compravendita. Ciao da HomePalm.

 

Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fiels are marked *