Home Staging questo sconosciuto e le 6 “R” dell’home staging.

Se ci fosse un modo per vendere più velocemente e meglio la tua casa? Home Staging questo sconosciuto e le 6 R dell’home staging.

Vendi casa disperatamente? Il tuo appartamento è sfitto da mesi? … e se provassi con l’Home Staging?

Oggi parliamo di una forma di marketing alquanto curiosa e importante, che avvicina imprenditori immobiliari e proprietari di immobili, creando una sinergia vincente per concludere una vendita o un affitto: l’home staging.

Pensaci un attimo: Ti presenteresti ad un colloquio di lavoro in tuta o spettinato o senza trucco? Venderesti la tua auto senza prima averla risistemata, lavata e profumata? Perché allora dovresti vendere la tua casa senza averla “preparata”?

Spesso bastano piccoli ritocchi o semplici interventi, per rinnovare (e non necessariamente ristrutturare) un immobile anche datato, rendendolo più interessante agli occhi del possibile acquirente. Alcune statistiche dimostrano che la scelta sull’acquisto viene realizzata nella mente del cliente nei primi 90 secondi della visita… si può quindi affermare che la prima impressione sia fondamentale e non può essere sprecata.

Perché conviene? Perché comporta un piccolo investimento, ma permette di abbreviare i tempi di vendita e di aumentare il valore dell’immobile stesso.

Una casa più bella si vende meglio e in meno tempo.

Mah Cos’è l’Home Staging?

Per capirlo possiamo partire dalle due parole che compongono il concetto, ossia Home=casa e Stage=palco. L’idea è proprio quella di mettere in scena la casa, metterla sul palco, di fronte al potenziale locatore, attirando la sua attenzione e suscitando in lui quelle emozioni e quei brividi che possano spingerlo a chiudere l’affare.

Di fatto sono tecniche di vendita efficaci che ci permettono di raggiungere i nostri obiettivi come imprenditori immobiliari.

Nel nostro paese questa tecnica di presentazione dell’immobile arriva solo a partire dal 2008, mentre negli USA era presente fin dagli anni ’80. Non è certo il primo e nemmeno l’ultimo ritardo che il nostro paese ha nei confronti delle innovazioni, non solo tecnologiche, estere.

Rendere l’abitazione unica sfruttando luci, colori, elementi d’arredo e profumi, è frutto di uno studio attento ma efficace, che ha cercato fin da subito di contrastare il declino del mercato immobiliare a partire proprio dal 2008.

Qual è l’obiettivo dell’Home Staging?

Quello di rilanciare un immobile mantenendo bassi i costi dell’operazione di lancio sul mercato. Una pratica che si rispecchia perfettamente in quel cambio d’abitudini di cui abbiamo parlato negli articoli precedenti: le persone oggi si informano attraverso il web, scoprono luoghi e sapori attraverso il web, guardano una stanza d’albergo attraverso il web, e perché no, possono conoscere ed entrare in modo digitale all’interno di un’abitazione.

L’esperienza reale diventa parte di una fase successiva, seppure necessaria, supportata dalla bellezza e dalla curiosità ritrovate in quelle foto, in quei colori e in quelle luci.

Ma quanto mi costa affidarmi ad un Home Stager?

L’investimento necessario per affidarsi ad un professionista costa sicuramente  meno  dello sconto sul prezzo che si sarebbe costretti a fare per una casa non adeguatamente preparata e meno del tempo perso per vendere questa casa. Si tratta di operazioni d’immagine che possono davvero fare la differenza tra una vendita o meno.

Oggi ciò che conta più di tutto è l’esperienza che riusciamo a regalare a qualcuno oppure che facciamo noi stessi; più sono esperienze ricche di emozioni, che rispecchiano la nostra anima e le nostre caratteristiche comportamentali, più siamo felici e pronti a ripetere quell’esperienza molto volentieri, se necessario.

Per questo puntare sull’Home Staging oggi potrebbe essere la soluzione più indicata sia per un agente immobiliare che per un proprietario di casa.

L’idea è di creare quel “colpo di fulmine” nel visitatore interessato (attenzione a quelli solo curiosi) tale per cui sarebbe disposto a fare qualsiasi cosa pur di averla.

Le 6 R dell’Home Staging

L’Home Staging si può descrivere  utilizzando sei parole, che iniziano tutte con la lettera R:

RIDURRE – RINFRESCARE – RIVALUTARE – RIARREDARE – RIPARARE – RIPULIRE – RIVALUTARE

Si tratta quindi di interventi a basso costo, che non richiedono la supervisione di figure professionali come l’interior design, che si occupa degli spazi, degli arredi e di tutto ciò che riguarda l’interno seguendo però le esigenze del cliente.

In questo caso l’obiettivo non è rendere bello l’ambiente per il cliente o il proprietario, quanto piuttosto renderlo appetibile dalla maggior parte della gente, o comunque da quella persona che poi potrà  acquistarlo o affittarlo e poi personalizzarlo come meglio ritiene.

Ridurre gli elementi, rinfrescare gli ambienti, ripensare l’arredamento di base, mantenere pulita l’abitazione, esaltare i pregi dell’abitazione, renderla  accogliente ecc..

Eccoti gli accorgimenti per avere successo!

Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fiels are marked *